Archivi tag: nostalgia

inappropriato luglio

Fa caldo, e tutto si appiccica. Un bisogno costante di lavarsi le mani e annodarsi i capelli lontano dal collo, mentre la sedia lascia impronte sulle gambe nude e il fantasma bruciante di luglio assedia la finestra, dietro le tapparelle … Continua a leggere

Pubblicato in elucubrando, nostalgie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

my bloody valentine

Come se non gli bastasse il fatto di essere, già di per sè, una festa di merda, il San Valentino si prodiga sempre per rendermi la giornata pietosa. Io non sono una persona superstiziosa, non me ne frega una cippa … Continua a leggere

Pubblicato in elucubrando, son cose | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 1 commento

sabbia e cemento

Avete presente la scena più bella di Ratatouille, quella in cui il critico Anton Ego, al primo boccone di ratatouille, si ritrova improvvisamente dentro la propria infanzia, a mangiare verdure e nostalgia? (Se non l’avete presente, la scena è questa, … Continua a leggere

Pubblicato in elucubrando, nostalgie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

the catcher in the rye

Io, è inutile che stia qui a far l’intellettuale che non sono, io di Salinger ho letto solo Il giovane Holden, come quasi tutti. Che hai voglia a dire è un libro sopravvalutato, di quelli tipici adolescenziali fighettoalternativi, tipo quei … Continua a leggere

Pubblicato in dentro le pagine | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

il grande freddo

Stanotte c’era quel tipo di freddo che ti rendi conto di cosa voglia dire essere un pacco di surgelati nel freezer. Quello che quando ti muovi scricchioli. Che resta attaccato pervicacemente ai bordi dei finestrini della macchina, mentre tu cerchi … Continua a leggere

Pubblicato in nostalgie, piacevolezze | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

brown years #2

“Io, Frank, dal vivo, l’ho visto quattro volte. Quattro volte. La più memorabile è stata nell’estate del Settantaquattro, al Vigorelli, a Milano. Perchè c’era Beppe, Beppe Facciadicavallo, che lavorava insieme al service, insomma, montava e smontava il palco, e così … Continua a leggere

Pubblicato in nostalgie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

cinquecento giorni d’estate

E’ che ierisera, invece di andare a dormire presto per poi poter oggi combinare qualcosa di utile, ho visto questo film qui di cui tutti parlano. Cioè, non è che ne parlano tutti come di Avatar, diciamo che ne parlano … Continua a leggere

Pubblicato in la fabbrica dei sogni | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti