Archivi tag: esami

sabbia e cemento

Avete presente la scena più bella di Ratatouille, quella in cui il critico Anton Ego, al primo boccone di ratatouille, si ritrova improvvisamente dentro la propria infanzia, a mangiare verdure e nostalgia? (Se non l’avete presente, la scena è questa, … Continua a leggere

Pubblicato in elucubrando, nostalgie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

non vado al cinema, non faccio sport

Siccome che in questi giorni sto – incredibile a dirsi – facendo delle maratone di studio allucinanti (la potenza di essersi  rotti le palle dell’università), un po’ mi sto perdendo le consuete vicissitudini veneziane. Per fortuna, c’è gente da oltre … Continua a leggere

Pubblicato in la fabbrica dei sogni, punti fermi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

verso la fine

E comunque un blog – perlomeno un blog di questo tipo – è fondamentalmente un angolo di cazzi miei, e quindi non lamentatevi se mi faccio i cazzi miei qua pubblicando una notizia tutto sommato ininfluente sulle magnifiche sorti e … Continua a leggere

Pubblicato in masochismi seriali, piacevolezze | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti

old west & friends

“Mac, sei mai stato innamorato?” “No, ho fatto il barista tutta la vita.” Wyatt Earp e il barista Mac, Sfida infernale (My Darling Clementine), John Ford, 1948 Ci sono delle cose che mi fanno impazzire, dei vecchi film hollywoodiani. Una … Continua a leggere

Pubblicato in la fabbrica dei sogni | Contrassegnato , , , , , , , | 4 commenti

riscoperte

Non ricordavo quanto fosse bello e disperato. Il Dracula di Coppola è una meraviglia continua di invenzioni e visioni, ma questo – questo ti strappa veramente il cuore.

Pubblicato in la fabbrica dei sogni | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

scova l’intruso

Tipologia B, saggio breve o articolo di giornale: Ambito artistico-letterario: Innamoramento. Testi di Dante, Alberoni, Gozzano, Catullo, Leopardi e Cardarelli. Tra le tracce del tema di italiano della maturità 2009 (da Repubblica.it)

Pubblicato in son cose | Contrassegnato , , , , , , | 2 commenti

estetisti senza frontiere

“Il più acclamato contributo del femminismo americano per le donne afghane fu rappresentato dai consigli di bellezza. ‘Uno dei primi straordinari segni della liberazione è stato il ritorno delle donne afghane nei saloni di bellezza’ annunciò Afghan Communicator, una rivista … Continua a leggere

Pubblicato in femminerie | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento