woodstock 2.0

Rispondere alla domanda Cosa faresti se dovessi vincere al Superenalotto? non è semplice come possa sembrare. Innanzitutto c’è da dire che il montepremi, negli anni, è lievitato in modo imbarazzante. E uno quando pensa “vincere al Superenalotto” non pensa “vincere il premio di consolazione da qualche misero centomila euro” ma “vincere fantastilioni e fantastiliardi, nell’ordine, se vogliamo, dei CENTO MILIONI DI EURO”. Cento milioni di euro sono tantissimi. Roba che nella mia testa non ci sta, come l’infinito o la morte, sono robe troppo grosse.

Ma io, negli anni, mi sono preparata. Ho affinato la risposta a questa domanda, e ora lo so, cosa farei se vincessi 100 milioni di euro al Superenalotto. Lo so da un po’, ma ora lo rendo pubblico, così poi se succede davvero potete venire qua tutti a dirmi “Naima*, l’avevi detto, ora lo fai”.

Dunque, se io vincessi 100 milioni di euro al Superenalotto, farei Woodstock. Non essendo dotata della capacità di resuscitare i morti, e nemmno di rintracciare quell’isola misteriosa tipo l’isola di Lost dove, come tutti sanno, vivono felici e contenti Elvis Presley, John Lennon, Janis Joplin, Marilyn Monroe, Michael Jackson, Jimi Hendrix, Jim Morrison, il vero Paul McCartney e molti altri, è ovvio che il mio Woodstock non potrebbe mai essere come l’originale del ’69. Vabbè, amen. Se vincessi 100 milioni di euro al Superenalotto organizzerei un festival enooooooorme, e chiamerei tutti i miei gruppi preferiti. Ma tutti. Tipo i Radiohead, i Pearl Jam, gli U2, i Foo Fighters, i Rolling Stones (accidenti, devo muovermi a vincerli, ‘sti 100 milioni, prima che questi mi schiattino), i Sigur Ros, Bjork, i Rage Against The Machine, i Deftones, Ben Harper (ma con gli Innocent Criminals, però, non con quelli nuovi), i Massive Attack, i Faithless, i Cranberries, Alanis Morrissette (ma mi deve fare solo Jagged Little Pill), Aphex Twin, gli Skunk Anansie, i Red Hot Chili Peppers, gli Incubus (sì, okay, questi più per ragioni di figosità del cantante), i R.E.M., i Depeche Mode, Madonna (sì, Madonna, cavoli), Lady Gaga (sì, anche Lady Gaga, cavoli), potrei perfino far venire quel cretino di Justin Timberlake che, almeno, fa sempre ridere. E un sacco di altra gente che adesso non mi viene in mente, e sono sicura che ho dimenticato una grande quantità di gruppi/artisti che mi fanno impazzire – ma tant’è, avete capito.

E dunque, organizzerò questo festival. Spenderò tutti i 100 milioni di euro, fino all’ultimo centesimo (magari potrei valutare di acquistarmi una casa a Parigi, ma solo se mi avanzano dei soldi alla fine). E il festival sarà GRATIS. Potranno venire tutti, tutti quelli che vorranno, da tutto il mondo, senza pagare nessun biglietto d’ingresso.

E poi, dopo? Dopo niente. Tutto come prima. Niente macchinoni, ville con piscina in giro per il mondo, champagne, cocaina, yacht, business class. Ma anche chi se ne frega. Volete mettere con la musica?

Diamine, devo proprio giocarci, a questo stupido Superenalotto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in elucubrando, punti fermi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...