solo una battuta

più bello che intelligente, disse la consulta

"più bello che intelligente", disse la consulta

Ieri sera, X Factor, seconda manche, è il turno di Chiara. Uno dei ragazzi presenti in sala nel mio salotto esclama, a proposito dell’orrido stacchetto di presentazione: – Sembra che stia per arrivare Godzilla! –

Risate. Grasse risate.

Io sto zitta, e starei zitta anche ora, chè non voglio passare sempre per la femminista rompicazzo. Tutti ridono, fa ridere, insomma, è una battuta, Chiara è in effetti molto sovrappeso e quel montaggio delle immagini lì, con il controluce e tutto, certo non l’aiuta. E poi è pur sempre solo X Factor, non è il caso di farne una tragedia. Il fatto che Chiara dia la merda a tutti gli altri concorrenti con la sua voce da brividi, in un reality show non è mai stato troppo importante.

Oggi poi però leggo che la testa di cazzo che ci governa ieri sera se n’è uscito con una delle sue battute piene di fine umorismo all’indirizzo di Rosy Bindi: “ho sempre pensato che lei fosse più bella che intelligente”. Non si può dire che la sua sia comicità da Bagaglino, il Bagaglino le avrebbe direttamente dato della racchia. Stupida.

Metto insieme le due cose – così lontane, o forse no – e realizzo come, ancora una volta, l’abilità e la competenza di una donna vengano sempre dopo, molto dopo, la sua prestanza fisica. E, di conseguenza, l’insulto all’estetica viene molto prima di ogni critica nel merito. Se poi sei pure non sposata, anatema! Sei una “zitella petulante” – così è stata definita oggi la Bindi da un altro elegante e raffinato politico di governo, l’esimio leghista Castelli – perchè è ovvio: sei brutta, nessuno ti ha voluta, quindi ora non scopi e rompi le palle a noi che siamo veri uomini duri e puri e, per dimostrare tutta la nostra potenza, spargiamo a piene mani il nostro testosterone andando a escort.

Niente di nuovo. Però che voltastomaco. C’è sempre poi qualcuno – quasi sempre un’altra donna – che sottolinea come, in fondo, è anche un po’ colpa della brutta/grassa di turno: potrebbe mettersi a dieta, potrebbe assumere un esperto di immagine, potrebbe assoldare un hair stylist, potrebbe truccarsi,  potrebbe ritoccarsi (a questo proposito ieri c’era anche una pantomima inquietante su Mara Maionchi e il suo botulino, bleah).

Vero.

E se non volesse, la donna grassa/brutta in questione? Se non gliene fregasse una cippa di dimagrire, se volesse tenersi tutte le sue rughe, perchè, come diceva Anna Magnani, “ci ha messo una vita a farsele”? Se stesse bene con se stessa e con il suo corpo, così com’è, libera da tutte quelle paturnie che ci assillano continuamente, tutte quante noi, giorno dopo giorno – me per prima, lo ammetto – quando entriamo in un qualunque negozio per comprarci anche la più scrausa delle magliette? Non sarebbe questa una conquista invidiabile?

E se poi non volesse sposarsi. Se non volesse avere figli. Se fosse una sua scelta, e anche stra cazzi suoi. Per quale motivo un uomo non deve mai subire tutto questo? Perchè una donna dev’essere sempre giudicata in relazione a qualcosa o a qualcun altro, e mai per se stessa, il suo lavoro, la sua vita, le sue scelte, le sue qualità? Perchè nessuno dice mai a Calderoli, per dire, che è più bello che intelligente. Mi sembra lapalissiano.

Poi mi viene pure in mente che qualche giorno fa su Repubblica.it c’era il consueto articolo di pseudoscienza a caso riguardo la sensazionale scoperta di un’equipe di medici di Salcazzodove: è più difficile dimagrire, se sei felice. E l’articolista, serenamente, scriveva una roba tipo “in fondo, un po’ di depressione non fa poi così male”. E il cerchio si chiude, belle mie. Siate tristi, vomitate la vostra cena, sentitevi sempre inadeguate e mai all’altezza della situazione, non pensate nemmeno per un attimo di valere qualcosa se non c’è un uomo a dirvi quanto siete belle. E sorridete, sorridete alla telecamera, mi raccomando.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in femminerie, schifo, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a solo una battuta

  1. giorgia ha detto:

    troppo caricato di senso l’inizio rispetto alla fine; paragonando le tre cose credo che tu stia svuotando di significato le ultime due…credo che l’intimità di casa debba spesso rimanere intimità di casa e che una battuta debba rimanere tale, una battuta…qua il femminismo non c’entra; la rosy bindi è chiaramente attaccata da un involucro nano abituato a circondarsi di altro involucri…tutto qua, tutto chiaro. Lui finirà, sono ottimista, ma non le battute, quelle casalinghe e sane, sono ottimista

  2. Naima* ha detto:

    in realtà io la vedo proprio all’incontrario: sono la seconda e la terza cosa a riempire di senso negativo la prima.
    è andata proprio come ho scritto: la battuta durante x factor mi ha dato un po’ fastidio, istintivamente, a livello irrazionale, ma la situazione, come dici tu, era informale, divertente, e poi sono la prima ad essere convinta che si possa ridere di e su qualunque cosa.

    è proprio il contesto generale, nella mia percezione, che va ad intaccare anche l’intimità di casa o le semplici battute.
    poi, sia chiaro, non è che penso che chi ha fatto la battuta, o chi ha riso, sia maschilista. l’unica cosa che noto è un atteggiamento di fondo, pervasivo, un modo comune di sentire, dal quale non mi chiamo fuori, anzi.
    chi è che l’altro giorno faceva battute sulla ciccia di hillary duff?
    la sottoscritta!

    solo che vorrei sganciarmi da tutto ciò e fare un passo più avanti.
    e berlusconi è una merda.

  3. giorgia ha detto:

    e qua siamo tutti d’accordo..

  4. Oriettina ha detto:

    Anch’io ci sarei rimasta male a quella battuta. Anche per la mia insicurezza cronica che nasconde una brutta stupida e grassa donnina dentro di me. Che poi i problemi ce li creiamo, i maschi faranno anche le battutine ma alla fine si sanno accontentare.
    cmq è vero che lo stress aiuta a dimagrire.
    non funziona però con chi è una buona forchetta, da sempre.

    A parte questo…bella, come va???
    un baciozzo
    Ory

  5. Pingback: just for the record « motore a propulsione d'improbabilità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...