le tette di anna paquin

young adults

young adults

So che ormai non dovrei, ma mi stupisco sempre dell’incompetenza di certi giornalisti. Soprattutto quando, per non scrivere boiate, basterebbe googlare per due minuti due. Sì, lo so benissimo che un articolo scritto “alla cazzo di cane” attira molti più lettori di una recensione vagamente seria, così come la galleria di Trovacinema, qualche settimana fa, con toni analoghi, era un mero pretesto per pubblicare delle tette a caso sulla colonna infame di Repubblica. Quindi, lo so che non dovrei stupirmi.

Ma tant’è, mi stupisco. Forse anche perchè, facendomi volutamente del male, ho guardato il pilot di The Vampire Diaries (l’ho guardato perchè l’autore è Kevin Williamson, quello di Dawson’s Creek, e dite quello che vi pare ma Dawson’s Creek aveva il suo fottuto perchè). Santocielo, che palle!!! Già Twilight fa abbastanza cagare di suo, per quale motivo allungare il tedio a ventidue puntate? Solo per rafforzare questo strafracassamento di maroni che vuole storie di vampiri = storie per adolescenti emo, di modo da eliminare quello che tutti, dal 1897 in poi, vogliono nelle storie di vampiri e cioè sangue e sesso. Così quando poi c’è magari un telefilm che fa il suo sporco lavoro, tutti giù a scandalizzarsi e a strabuzzare gli occhi (e magari il telefilm medesimo si sente in obbligo di aumentare le scene pucci pucci umana/vampiro, giusto per seguire la massa, bleah). Roba da chiamare l’American Vampires League.

Ma questi giovani adulti (anche questa categoria non mi è molto chiara… adesso io cosa sono? un’adulta di mezzo non più giovane giovane ma non ancora incartapecorita?) non si rompono mortalmente a vedersi propinare queste disgustose sdolcinatezze tutte fotocopiate le une dalle altre? Mah. Si vede che ormai io sono un’adulta vecchia.

[Adesso non vedo l’ora che un teenager a caso capiti qui e mi insulti usando molte kappa. Scrivo ‘Edward Cullen’ giusto per aumentare le possibilità che questo avvenga]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dentro le pagine, la fabbrica dei sogni, masochismi seriali e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a le tette di anna paquin

  1. Violetta ha detto:

    Nn kpsc nnte, k.

    (Ecco, così finché non volano qui a stormi colmiamo la lacuna.)

    (Coming up next: il generatore automatico di sockpuppet che hanno letto tutti e diciotto i libri della serie e ti accusano di non saper cogliere le sfumature perché sei cinico e VECCHIO.)

  2. naimablue ha detto:

    grazie.
    stavo cominciando un po’ a dispiacermi del loro silenzio.

  3. Pingback: the Cw reviews pt. 2 – The Vampire Diaries « motore a propulsione d'improbabilità

  4. frankieboy ha detto:

    Twilight è un po’ un 3MSC in versione internazionale. La Meyer non è poi diversa dal nostrano Moccia tanto che Stephen King ha definito i libri della Mayer delle cagate pazzesche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...