letture estive #1

tony hawk

tony hawk

Ho finito di leggere questo libro di Nick Hornby, che in originale si intitola Slam, mentre in italiano Tutto per una ragazza. L’ho letto in originale perchè l’altro giorno ero in libreria davanti allo scaffale dei libri in lingua originale e mi è preso lo schizzo di comprarne uno e ho scelto questo perchè avevo voglia di leggerlo, ma in italiano era ancora in edizione figa da diciottoeuro e io ho questa cosa che i libri che leggo in poco tempo, tipo in tre giorni, non mi va di pagarli più di dieci euro, e Nick Hornby di solito lo leggo veloce. La versione in inglese costava dieci euro e così l’ho comprato. Poi sono andata da Boragno, l’altra libreria, e ho visto che avevano la versione supereconomica tipo a cinque euro appena uscita, ma vabbè.

Devo dire che il fatto di averlo comunque letto in tre giorni senza bisogno del dizionario è stato un vero toccasana per la mia autostima, ultimamente malconcia.

Comunque. Nick Hornby non è che sia un genio, però alla fine ti frega sempre. Cominci a leggere queste storie che sembrano leggerine leggerine, da ombrellone sotto l’estate, storie d’amore, in genere, personaggi maschili con la faccia stralunata di Hugh Grant e le strade di Londra intorno, sempre fuoriposto dappertutto e quindi abbastanza divertenti.

Ma se gratti la superficie, la leggerezza se ne viene via. Per esempio, il più famoso, Alta fedeltà: sì, ok, fa ridere, c’è questo tizio che è totalmente un disastro con le relazioni sentimentali, e ha questo negozio di dischi e i due commessi fuoriditesta che non fanno altro che fare classifiche (e io adoro fare delle classifiche inutili, tra le altre cose). Ma sono risate amare, perchè, pagina dopo pagina, quello che ti si srotola sotto gli occhi è questa desolante umanità tutta incastrata dentro se stessa, incapace di essere sincera, con se stessa e con gli altri, anche solo per cinque minuti. Insomma, il tizio manda tutto a puttane ogni volta e per ragioni tremendamente egoistiche e perdipiù riuscendo,  in tutta coscienza, a dare alla donna di turno ogni colpa. E, per parte loro, non è che le donne del libro siano adorabili angeli di comprensione, tutt’altro.

In questo Slam, invece del solito trentenne che si comporta come un sedicenne, c’è un sedicenne che più sedicenne non si può – voglio dire, si confida con il poster di Tony Hawk, e Tony Hawk gli risponde – che si ritrova in una situazione in cui di solito si ritrovano i trentenni. E il libro ti va via liscio come l’olio, perchè Nick Hornby ti parla con la voce del sedicenne, e quindi con la complessità lessicale dello spettatore medio di Trl (che forse è il motivo per cui l’ho letto in tre giorni senza dizionario), e d’improvviso ti accorgi che in realtà non è uno scherzo, ma sei invischiato nella pesantezza: la vita, la crescita, l’essere genitori, l’essere figli, prendersi le proprie responsabilità, non prendersele,  fare le scelte giuste, etc etc. Un po’ a tradimento, e questo scazza, ma anche senza troppi moralismi di sorta, e questo è apprezzabile.

Bah. Insomma, in fin dei conti mi è piaciuto, più di quanto avrei immaginato all’inizio del primo capitolo. Alla fine, come si diceva l’altra sera alla birreria fintoirlandese, ci sono libri che sono capolavori e poi ci sono quelli che non lo sono  per niente, e per i secondi tutto sta nel prenderti al momento giusto e nel saperti dire qualcosa che hai bisogno di sentirti dire in quel momento lì. E nel lasciarti un po’ di speranza, alla fine, aggiungo io; ma questa è una postilla del tutto personale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dentro le pagine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a letture estive #1

  1. oriettina ha detto:

    non ho ancora letto niente di hornby. Credo che dovrei proprio leggerlo anche se dopo Aspetta primavera, Bandini ed Emma se leggo di nuovo di maschi inetti giuro che urlo!!!!!!
    La Austen invece era proprio avanti.

    un baciozzo
    Ory

  2. naimablue ha detto:

    bè guarda
    alta fedeltà sotto certi aspetti ti potrebbe anche tirare su il morale.
    ma non ti spoilero niente, eheh.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...