buffi stupidi costumi italiani

i celti in battaglia, foto by Naima*

i celti in battaglia, foto by Naima*

Ieri mi hanno trascinata ad una festa celtica, a Monterenzio, poco fuori Bologna.

Sì, lo so, anch’io temevo che, come da noi su al Nord, fosse uno di quei raduni assurdi dove leghisti infoiati blaterano di una Padania inverosimile che esiste solo nelle loro teste e riesumano dal giusto oblio buffi stupidi costumi locali. Non era così. Cioè, non so come la pensino politicamente questi tizi qua ritratti nella foto, ma sembravano piuttosto dei formidabili nerd con la fissa della ricostruzione storica, insomma un grande raduno cosplay con popolazioni barbariche e antichi greci al posto dei manga e dei cartoni animati giapponesi. Era pure divertente, e l’idromele assai buono.

Poi oggi pensavo ai leghisti. Pensavo che io li ho sempre visti così, appunto. Degli anacronistici maniaci e paranoici – a vari livelli, eh. Ma sostanzialmente gente che, o per paura o per ignoranza o per boh, è rimasta indietro a un conflitto “noi vs loro” che oggi come oggi non ha più ragione di esistere.

Però il ddl sicurezza è stato approvato. Ci saranno le ronde. Essere un clandestino sarà praticamente un reato. Solo per il fatto di venire da un altro paese, un paese sgradito agli itagliani (e intanto nel resto del mondo, gli itagliani diventano sempre più sgraditi ai più), delle persone verranno automaticamente trasformate in criminali. Non che cambi molto, voglio dire, nei fatti è già così. La Lega ha preso uno sfracello di voti, alle ultime elezioni, e anche alle penultime. Questa è la democrazia, mi insegnano. Il Parlamento rappresenta il popolo, e la maggioranza di governo attuale è uno specchio desolante.

Quindi questi tizi un po’ strani, nel loro anacronismo, ci trascinano tutti quanti indietro in un Medioevo di cartapesta, dove la notte ci si rinchiude nelle capanne, tutti asserragliati nel proprio feudo, a cercare la protezione di un signorotto gozzovigliante, pronti ad imbracciare i forconi e le torce contro il nemico di turno, come in quelle grottesche scene dei Simpson, e magari a bruciare sul rogo le donne che vogliano uscire dal proprio ruolo di mogli o veline, chiamandole “streghe”.

E’ che una volta ci si incazzava, noialtri. Intendo quelli che non erano d’accordo. Che è democrazia anche questa, fare opposizione, perchè in un paese libero ognuno ha diverse opinioni, e il diritto di esprimerle. Ma il mio amico del Pd – ve ne ho già parlato, sì – mi illumina, spiegandomi che “l’opposizione non si può fare, perchè tanto il Pdl ha la maggioranza dei voti e quindi sarebbe inutile per noi opporci”.

Questo discorso mi ricorda tristemente qualcosa, allo stesso modo in cui leggi discriminatorie mi ricordano leggi razziali. Non che mi servano conferme, mica siamo arrivati in questa situazione dall’oggi al domani. Ma visto che la rassegnazione sembra ormai pandemica, lasciatemi almeno lo stupore e l’indignazione. Anche se, con stupore e indignazione e basta, ci si fa ben poco.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in schifo, son cose e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...